Generazioni a confronto

  • 27 Aprile 2018

Il fatto di essere nati e cresciuti in un determinato periodo storico influenza il proprio modo di pensare e agire. Parliamo infatti di generazioni: Barclays insieme all’Università di Liverpool, ha stilato 5 diverse profili, di quelle che sono le generazioni che vivono nel pianeta. Naturalmente sono generalizzazioni che ci aiutano a costruire dei modelli utili per le finalità scientifiche, sociali o di marketing.

Baby Boomers: 1946-1964
Epoca: Boom economico, Woodstock
È la generazione delle rivoluzioni culturali, dell’indipendenza e della concretezza, chi ne fa parte ha un forte orientamento al lavoro, alla carriera e all’impegno politico. Conoscono poco la tecnologia e ne fanno uso quanto necessario.

Generazione X: 1965-1980
Epoca: Muro di Berlino, Andy Warhol
La X deriva da Generation X romanzo di Doug Copland il primo ad aver azzardato un ritratto della generazione più sottovalutata di sempre.
Pionieri delle prime vere rivoluzioni tecnologiche in termini di comunicazione: PC e cellulare. Sono i creatori di Google, hanno spianato la strada ai successori “Millennials”. Sono aperti al dialogo e alla tolleranza nei riguardi delle differenze, ambiziosi e autosufficienti. Lavorano per vivere non vivono per lavorare.

Generazione Y: 1981-2000 i Millennials
Epoca: attentato 11/09, Social Media, Reality Show
Narcisi, ricettivi e aperti. Figli delle nuove tecnologie, sempre connessi e attivi. Interagiscono con i brand e gli Influencer. Lasciano recensioni, amano sperimentare nuovi format per comunicare in modo originale e creativo. Vivono in un mondo liquido caratterizzato dalla morte delle ideologie.

Generazione Z: dopo il 2000
Epoca: Crisi economica, evoluzione tecnologica
Iperconnessi, multimediali e autonomi, prima generazione mobile first, totalmente immersi in una dimensione virtuale. Comunicano con le immagini e creano contenuti. Gestiscono il flusso continuo delle informazioni e sono attenti ai problemi globali.

Il compito del Marketing è quello di concentrarsi sempre più frequentemente sul comportamento dei potenziali clienti influenzato dall’appartenenza a una generazione o ad un’altra. Conoscerle è cruciale per le aziende, ciò serve loro a delineare il target e costruire una comunicazione pensata nel dettaglio.
Nessuna generazione è chiusa o senza sfumature e l’ultima arrivata la Generazione Z non fa eccezione, presentandosi con tante varianti al suo interno.
Le aspettative ed il costante ed incondizionato accesso alla tecnologia di questa nuova generazione, si esprimono in atteggiamenti e comportamenti che rappresentano importanti sfide per le aziende.

Contattaci